Venerdì 16 Novembre 2018, Santa Margherita di Scozia
follow us! @travelitalia

Week End a Udine

Udine è capoluogo di provincia, con circa 100.000 abitanti, è considerata la capitale “storica” del Friuli. Con la caratteristica ritrosia delle città di provincia, Udine non s’impone al turista, non svela subito il suo vero volto. Per scoprirne le realtà e le bellezze nascoste, gli angoli caratteristici che si conservano nel tempo, gli scorci più interessanti, le architetture austere o quelle snelle ed eleganti, è necessario almeno un week end, bisogna girare la città in lungo e in largo, passeggiare nelle piazze e per le vie, guardarsi attorno.
Le chiese e i palazzi alle lontane origini, alla presenza dei Romani, alle infinite invasioni, alle scorribande dei barbari, alle lotte medievali e agli splendori del Rinascimento. Potrete scoprire ben presto che ogni popolo, ogni secolo ha lasciato qui la sua impronta, ma che Udine è soprattutto medievale e veneziana: a queste due epoche risalgono i monumenti e le costruzioni più rilevanti. Percorrendo un itinerario ideale, incontri il Castello, simbolo del potere civile, sorto nel X secolo per opera di alcune nobili famiglie, che lo abitarono e dettero inizio al feudalesimo: è l’inizio, la culla della città, il punto in cui la Storia di Udine diventa Storia. Medievale è pure il non lontano Duomo, tempio e simbolo dello spirito, che risale alla prima metà del Duecento. Di epoca veneziana sono invece i palazzi e i monumenti – fra cui il Palazzo del Comune, il Porticato di San Giovanni e la Loggia del Lionello – che circondano e caratterizzano la monumentale Piazza della Libertà: considerata da sempre cuore della città, la piazza si stende ai piedi del colle del Castello e testimonia la ricchezza e lo splendore che la città raggiunse sotto il dominio della Serenissima.
Un'altra dimensione di Udine, è quella sviluppata dalle persone che durante il week end percorrono i vicoli e le stradine del centro, annusano i profumi dell’antica cucina. Potete ascoltare gli accenti del dialetto friulano: è necessario favelàr (ossia parlare, ciacolàr) con i suoi “furlans”, e fermarsi con loro a gustare un tajut di Tocai (un bicchiere di vino bianco locale, che qui si beve anche a mo’ d’aperitivo), consigliata la “Spezieria pei sani” di Via Poscolle, prendendosela comoda ed ascoltando la storia, o le mille storie della città. Durante il Vostro week end a Udine potrete scoprire allora che è città a dimensione umana, custode gelosa delle proprie tradizioni e della propria lingua.
Carlo Goldoni nel visitare Udine nel 1724 , ne lasciò un breve e simpatico ritratto, valido, per molti versi, ancora ai nostri giorni:

«Passammo il Tagliamento che ora è fiume, ora torrente, e che bisogna passare a guado, poi che non ci sono ponti né traghetti per traversarlo. Infine capitammo a Udine, capitale del Friuli Veneziano. I viaggiatori non fanno menzione di questa provincia che tuttavia meriterebbe un posto onorevole nelle loro narrazioni ... Vi è a Udine fra l'altro un'...
Luoghi da visitare a Udine [23]: Musei di Udine , Porta Aquileia , Duomo di Udine , Galleria d'Arte Moderna (GAMUD) , Cappella Manin , Loggia del Lionello , Loggia e Tempietto di San Giovanni , Chiesa di Santa Maria di Castello , Castello , Piazza della Libertà , Palazzo Arcivescovile , Torre dell'Orologio , Chiesa di San Giorgio , Tempio Ossario , Chiesa di San Francesco , Chiesa di San Giacomo , Palazzo Antonini Cernazai , Santuario di Santa Maria delle Grazie , Oratorio della Purità , Chiesa della Beata Vergine del Carmine ,
Ristoranti a Udine [7]: Ristorante Pizzeria Atlantide , Trattoria "Ostaria dei Beneandanti" , Ristorante "Vitello d'Oro" , Ristorante Astoria , Ristorante "Agli Amici" dal 1887 , Ristorante "Hostaria alla tavernetta" , Ristorante pizzeria "Al Masaniello" .