Login / Registrazione
Sabato 25 Marzo 2017, Annunciazione del Signore
follow us! @travelitalia

Week End a Palermo

Se dedicate la visita di un week end a Palermo, Vi accorgerete che è la città della grande ricchezza d’arte di quattro momenti storici: l’architettura arabo-normanna, l’arte del basso medioevo e del Rinascimento, l’arte barocca del secolo XVII, l’arte decorativa del secolo XVIII.
Posta al centro del Mediterraneo, culla delle più antiche civiltà, la città è da sempre crocevia di culture fra Oriente e Occidente. Luogo strategico di transito, scalo privilegiato di traffici mercantili, approdo di popoli di razze, lingue e religioni diverse, Palermo ha affascinato visitatori e stranieri per la sua felicissima posizione e la bellezza dei luoghi per questo nei secoli ha subito varie dominazioni.
Poche città, come Palermo, hanno conservato tante testimonianze della cultura dei conquistatori: dai Romani ai Bizantini, dagli Arabi ai Normanni, dagli Svevi ai Francesi, dagli Spagnoli agli Austriaci, tutti hanno lasciato un’inconfondibile traccia. Si tratta di testimonianze di straordinario valore, perché la confluenza di forme e stili, dal Nord Europa all’Africa, dal Medioevo al Barocco, ha spesso dato vita ad originalissime creazioni artistiche, architettoniche e decorative. L’altra particolarità di Palermo è che la città ha conservato la sua identità.
Vagare per le vie di Palermo durante un week end è come assistere ad una gigantesca parata di testimonianze appartenenti a civiltà disparate, ma intimamente fuse, che evocano i secoli nei quali sorsero le vicende storiche alle quali sono legate; ammirare tanti capolavori è come perdersi in qualcosa di eterno e di immutabile, proprio come vi si perde la gente che intorno ad essi vive e si muove.
Palermo ha un clima dolcissimo: splende di colori lungo una riviera che non ha rivali per bellezza nel Mediterraneo, in mezzo a boschetti d’agrumi, a ville e giardini d’incomparabile fascino.
Nel corso del suo celebre ”Viaggio in Italia“, Goethe scrisse:

“Italien ohne Sizilien macht gar kein Bild in der Seele: hier ist erst der Schlüssel zu allem“
(L’Italia senza la Sicilia non lascia immagine nell’animo: qui, solo qui, è la chiave di tutto).


Il viaggio siciliano ha inizio con la sbarco a Palermo il 2 aprile 1787: la descrizione del Monte Pellegrino, definito il più bello di tutti i promontori del mondo, e di tutta la conca di Palermo colpisce per...
Luoghi da visitare a Palermo [61]: Quattro Canti (Piazza Vigliena, Ottagono del Sole, Teatro del Sole) , Loggia dell'Incoronazione , Galleria Regionale della Sicilia - Palazzo Abatellis , Villa Giulia , Chiesa della Martorana (Santa Maria dell'Ammiraglio) , Palazzo Chiaramonte-Steri , Santuario di Santa Rosalia , La Cuba , La Cattedrale di Palermo , Oratorio di Santa Cita (Oratorio del Rosario in Santa Cita) , Parco della Favorita , Complesso di Santa Maria degli Angeli (La Gancia) , Duomo di Monreale , Teatro Politeama , Teatro Massimo , La Zisa , Chiesa di Santa Teresa alla Kalsa , Civica Galleria d'Arte Moderna Empedocle Restivo , Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea Renato Guttuso , Mercato di Ballarò ,
Ristoranti a Palermo [26]: Ristorante Indiano "Ampaal" Pizzeria , Ristorante Pizzeria "Il Giardino" , Ristorante Pizzeria "Ai Peccati Di Gola" , Ristorante "Gagini" Social Restaurant , Ristorante Pizzeria "La Duchessa" , Ristorante "L'Ottava nota" , Ristorante Peperino , Ristorante Pizzeria "Il Baro" , Ristorante "Le Delizie di Cagliostro" , Ristorante "Calice Perfetto" , Ristorante Talìa , Ristorante "Primi Piatti" , Ristorante Ferro , Ristorante Pizzeria "Divini Restaurant" , Ristorante "Skupidu" , Pizzeria "La Bufalaccia" , Ristorante "Le Pitit" , Ristorante Gadir , Pepe Verde Ristorantino e ... , Trattoria "Ai Normanni" .